Raggi microscopici ottici

I microscopi da laboratorio (detti anche microscopi ottici sono piatti microscopici che utilizzano la luce che passa attraverso il sistema ottico per acquisire un'immagine ingrandita dell'oggetto osservato. I microscopi si basano principalmente su un set di lenti ottiche, da diverse a una dozzina circa.

Dove vengono elaborati i microscopi?I moderni microscopi da laboratorio sono utilizzati in molte cose per studiare oggetti estremamente piccoli. I microscopi professionali sono utilizzati nella ricerca biologica, biochimica, citologica, ematologica, urologica e dermatologica nei laboratori clinici di varie istituzioni mediche. In biologia vengono utilizzati, tra gli altri, microscopi di laboratorio nella ricerca di microrganismi e nell'analisi della morfologia di cellule e tessuti. Le discipline scientifiche responsabili di questi studi sono la microbiologia, l'istologia e la citologia. E nel campo della chimica e della fisica, i microscopi sono utilizzati in cristallografia o metallografia. I geologi li usano per analizzare la costruzione di rocce.

Ingrandimento dell'immagineI tradizionali microscopi da laboratorio che utilizzano la luce naturale o artificiale nella sequenza ottica (a volte vengono scambiati solo con microscopi ottici, vengono talvolta utilizzati nell'educazione come strumento educativo che supporta esercizi di scienze fisiche. L'oggetto testato viene osservato personalmente dall'oculare o sullo schermo monitor grazie all'utilizzo di un adattatore di proiezione. Il limite fisico massimo di ingrandimento del film nei microscopi ottici è determinato dalla risoluzione angolare della lente, che è combinata con la lunghezza d'onda della luce, la serie per la chiarezza dell'immagine corrisponde alla precisione della lente. I primi microscopi da laboratorio hanno consentito un ingrandimento dieci volte, anche se nei microscopi ottici di oggi è possibile ingrandire più di mille volte.